fbpx

Adesioni

La visione strategica di IKEA è “creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza delle persone” offrendo un vasto assortimento di articoli d’arredamento di buon design e funzionali a prezzi vantaggiosi, prodotti secondo alti standard qualitativi e nel rispetto delle persone e dell’ambiente.

 

IKEA in Italia ha 21 punti vendita tradizionali, 2 Pick Up and Order Point e 1 negozio digitale. Per Ikea la “Sostenibilità” significa assicurare il benessere ambientale, sociale ed economico sia presente che futuro, soddisfare i bisogni delle persone e della società senza compromettere la possibilità per le future generazioni di soddisfare i propri, agendo nell’interesse della maggioranza e non di pochi. Si tratta di vivere entro i limiti del pianeta promuovendo una società forte, sana e inclusiva. La strategia per la sostenibilità di lungo periodo si chiama “People & Planet Positive” ed è la stella polare dell’impegno dell’azienda.

 

www.ikea.com

STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ

 

Da molti anni IKEA fa un uso attento delle risorse e la sua strategia di responsabilità sociale si sviluppa a livello internazionale, nazionale e locale attraverso un calendario di attività promozionali dedicate. Nel 2016 e nel 2017, in continuità con altre iniziative natalizie precedenti, IKEA Italia ha associato la campagna Compostiamoci bene ad un progetto di riqualificazione del territorio italiano.  In questi due anni, a partire dalla metà di novembre, è stato possibile acquistare un albero di Natale in tutti i negozi IKEA d’Italia e contribuire a un progetto di recupero ambientale: per ogni abete acquistato, IKEA Italia ha contribuito con 2 euro a riqualificare aree in stato di abbandono e a forte rischio di dissesto idrogeologico nel Parco Nazionale delle Cinque Terre e nelle Aree Protette Po Vercellese-Alessandrino mettendo a dimora 1.000 piante autoctone in ciascuna area, nel 2016. Nel 2017 sono stati piantati 2.000 alberi in una zona residenziale turistica nel Comune di Eraclea, dove è in corso la certificazione di Gestione Forestale Sostenibile secondo lo standard FSC®.

Progetti realizzati

COMUNE DI PESCARA

L’intervento più corposo, di circa 1.000 alberi, è stato realizzato nella Pineta Dannunziana con l’obiettivo di rinfoltire le aree verdi, mentre gli altri 2.000, tra alberi e arbusti, sono stati piantati lungo le vie della città e all’interno dei maggiori parchi cittadini, con l’obiettivo di rendere più fruibili le aree verdi.

Tipologia di area

Urbana

 

Alberi piantumati

3.000

 

Ettari impiegati

3

 

Specie utilizzate

Pino d’aleppo, acero campestre, carpino bianco, roverella

COMUNE DI CORVARA IN BADIA

L’intervento è stato realizzato in un’area nel Comune di Corvara in Badia e consiste nel ripristino ecologico di una foresta gravemente danneggiata a seguito della tempesta Vaia di fine ottobre 2018, i cui venti fortissimi di scirocco caldo, soffiando tra i 100 e i 200 km/h per diverse ore, hanno provocato lo schianto di oltre il 90% della superficie. L’area scelta per  l’intervento si trova nei pressi degli impianti sciistici ai margini dell’abitato di Corvara, lungo la strada Planac e ha un’importante funzione turistico – ricreativa e paesaggistica. Il progetto ha previsto una prima fase di pulizia dell’area e di sgombero degli alberi caduti, successivamente son stati messi a dimora 3.000 alberi di larice ed abete, specie scelte per aumentare il pregio ambientale e la resilienza del soprassuolo forestale, ed è stato preparato il terreno per consentire la colonizzazione del suolo da parte delle specie presenti nell’area e favorire la crescita delle piante da seme (rinnovazione naturale). Questo intervento è stato realizzato nell’ambito del progetto nazionale di IKEA,  EffettoVAIA.

Tipologia di area

Extra urbana

 

Alberi piantumati

4.000

 

Alberi da rinnovazione naturale

1.000

 

Ettari impiegati

4

 

Specie utilizzate

Abete bianco, abete rosso, larice

COMUNE DI TORINO

L’obiettivo dell’intervento è stato quello di ripristinare un’area del Parco Piemonte, situata a sud dello stabilimento di Mirafiori, nelle vicinanze degli orti urbani “Orti Generali” e del fiume Sangone. La zona si presentava inizialmente con una copertura arborea rada e costituita principalmente da specie alloctone, a causa della forte urbanizzazione che in passato ha influito sulla conformazione originaria del bosco, costituito da querce e carpini, a vantaggio di specie non tipiche del luogo. Sono state quindi reintrodotte specie autoctone e incrementata la copertura arbustiva di una porzione del Parco per una superficie complessiva di 3 ettari. I giovani alberi sono stati posizionati per gruppi con l’obiettivo di creare dei boschetti intervallati da aree libere per valorizzare la dinamica spontanea della vegetazione.

Tipologia di area

Extra urbana

 

Alberi piantumati

3.000

 

Ettari impiegati

4

 

Specie utilizzate

Acero campestre, olmo campestre, frassino, roverella