fbpx

Adesioni

Mellin, marchio storico presente in Italia fin dai primi anni del ‘900, propone prodotti specifici per l’infanzia, frutto della più avanzata ricerca nutrizionale e sviluppati secondo i più elevati standard di qualità e sicurezza.

 

I prodotti e l’esperienza di Mellin accompagnano i genitori nella delicata fase dei primi 1000 giorni, un periodo cruciale durante il quale si pongono basi importanti per la salute futura. Da oltre un secolo, l’azienda si impegna attivamente nel campo della ricerca, condotta nei centri specializzati Danone Nutricia Research Center e focalizzata sulla salute e sulla nutrizione. Mellin si impegna inoltre a supportare e sostenere l’allattamento al seno in accordo con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che raccomanda il latte materno come alimento esclusivo fino al 6° mese di vita del bambino e come fonte lattea sia durante lo svezzamento che dopo l’anno. Mellin S.p.A. fa parte di Danone Company, presente in Italia con le divisioni Prodotti lattiero caseari e di origine vegetale (Danone S.p.A.), Nutrizione Infantile (Mellin S.p.A.) e Nutrizione Medica (Nutricia Italia S.p.A.).

STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ

 

Il nostro Paese sta vivendo l’inverno demografico più difficile della sua storia e i bambini, così come l’ambiente, rappresentano il futuro di tutti noi. Mellin, azienda parte di Danone, crede che la salute del pianeta e la salute delle persone sono interconnesse e sogna un futuro dove sempre più bambini crescono in un mondo che preserva la natura. È nato così il progetto “Più alberi per più bambini” grazie alla partnership con AzzeroCO2 Mellin pianterà entro il 2021 11.000 alberi su tutto il territorio italiano. Prima tappa di questo percorso, un parco cittadino milanese: un’area di 1400 mq a sud di Milano, di fronte all’Ospedale San Paolo, che prevede l’intervento di rigenerazione ambientale e la posa di 100 alberi già nel 2019.

Progetti realizzati

COMUNE DI TORINO

L’intevento è stato realizzato a sud di Torino in un’area del Parco Piemonte, vicino allo stabilimento Mirafiori Sud e a degli orti urbani gestiti da una associazione del territorio. L’obiettivo dell’intervento è stato quello di ripristinare l’area reintroducendo le specie autoctone e aumentando la copertura arbustiva, mettendo a dimora gli alberi in nuclei ad elevata densità di impianto intervallati da aree libere per valorizzare la dinamica spontanea della vegetazione.

Tipologia di area

Urbana

 

Alberi piantumati

3.000

 

Ettari impiegati

5

 

Specie utilizzate

Acero campestre, roverella, olmo campestre, frassino ossifillo

PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA

L’intevento è stato realizzato nei Comuni di Cassano delle Murge, Poggiorsini, Santeramo in Colle e ha permesso la messa a dimora di 3.000 giovani alberi in cinque diverse aree all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. La prima area si trova nel centro abitato di Cassano delle Murge; altre due sono all’interno del comune di Santeramo in Colle, una all’interno del tessuto urbano del paese, l’altra in una zona periferico-urbana occupata da una pineta di origine artificiale; le ultime due rientrano nel comune di Poggiorsini, una a sud e l’altra a nord del centro abitato, di pertinenza della Masseria Filieri.

Tipologia di area

Urbana-extra urbana

 

Alberi piantumati

3.000

 

Ettari impiegati

3

 

Specie utilizzate

Roverella, leccio, orniello, acero campestre

COMUNE DI REGGIO EMILIA

L’intevento è stato realizzato nel Comune di Reggio Emilia con la messa a dimora 3.000 giovani alberi in tre diverse aree: nel parco dei Gonzaga, in via dei Gonzaga, quartiere di nuova costruzione, con coperture arboree rade e perimetrali; nel parco Enzo Baldoni, nel quartiere Buco del Signore, con piante in grado di garantire copertura durante l’estate; all’interno del parco Monsignor A. Cocconcelli, nel quartiere San Maurizio, con alberature in grado di schermare l’inquinamento acustico e atmosferico della vicina strada provinciale.

Tipologia di area

Urbana

 

Alberi piantumati

3.000

 

Ettari impiegati

3

 

Specie utilizzate

Roverella, acero campestre, ontano nero, cerro