fbpx

Forestazione e tutela

Progetti di forestazione

Gli interventi di forestazione di Mosaico Verde vengono progettati da AzzeroCO2, società di consulenza energetico ambientale, e realizzati in Italia rispettando i criteri di biodiversità, specificità territoriale, sostenibilità socio economica e permanenza delle nuove aree verdi.
Codice etico

AzzeroCO2 si è dotata fin dal 2007 di uno standard di verifica: il Codice Etico per i progetti di forestazione. Lo standard, nel rispetto delle normative nazionali e dei criteri internazionali stabiliti dal Protocollo di Kyoto, garantisce per ciascun progetto forestale i criteri ecologici di biodiversità e sostenibilità socio-economica del rimboschimento stesso, tra i quali:

 

  • conservazione della biodiversità grazie all’impiego di specie differenti
  • consolidamento e stabilizzazione del suolo
  • utilizzo di specie autoctone tipiche della zona geografica
  • miglioramento paesaggistico
  • fruibilità da parte delle comunità locali

Progetti di forestazione

Gli interventi di forestazione di Mosaico Verde vengono progettati da AzzeroCO2, società di consulenza energetico ambientale, e realizzati in Italia rispettando i criteri di biodiversità, specificità territoriale, sostenibilità socio economica e permanenza delle nuove aree verdi.
Codice etico

AzzeroCO2 si è dotata fin dal 2007 di uno standard di verifica: il Codice Etico per i progetti di forestazione. Lo standard, nel rispetto delle normative nazionali e dei criteri internazionali stabiliti dal Protocollo di Kyoto, garantisce per ciascun progetto forestale i criteri ecologici di biodiversità e sostenibilità socio-economica del rimboschimento stesso, tra i quali:

 

  • conservazione della biodiversità grazie all’impiego di specie differenti
  • consolidamento e stabilizzazione del suolo
  • utilizzo di specie autoctone tipiche della zona geografica
  • miglioramento paesaggistico
  • fruibilità da parte delle comunità locali
Come si svolge un progetto di forestazione

AzzeroCO2 redige il progetto forestale e il piano di manutenzione, in conformità alle norme nazionali e internazionali in materia di forestazione (Tra le quali il Dlgs 16 giugno 2005 del Ministero dell’Ambiente Linee guida di programmazione forestale e le Linee guida Good Practice Guidance for Land-Use, Land-Use Change and Forestry definite dall’IPCC nel 2003, ecc.) e selezionando le migliori pratiche forestali oggi disponibili.

Tutti i progetti redatti da AzzeroCO2 sono coerenti con i piani di forestazione degli enti nei quali ricadono e diventano parte integrante del contratto di gestione dell’area sottoscritto dalle parti. La condivisione e la contrattazione con i proprietari delle aree sono dunque elementi fondamentali per la buona riuscita del progetto e per lo svolgimento delle attività di manutenzione e di monitoraggio.

1.Pulitura area
1.Pulitura area
Ripulitura dell’area attraverso lo sminuzzamento meccanico di stoppie, residui di potatura e vegetazione infestante.
2. Aratura superficiale
2. Aratura superficiale
Taglio e rovesciamento di zolle di terreno per creare un ambiente fisico ospitale per le piante.
3.Fornitura piante
3.Fornitura piante
Acquisto presso vivai certificati e locali di piantine ben sviluppate, con un giusto rapporto altezza/diametro ed esenti da attacchi di patogeni.
4.Tracciamento filari
4.Tracciamento filari
Creazione di solchi nel terreno seguendo un andamento curvilineo per conferire all’intervento un aspetto più naturale.
5.Messa a dimora
5.Messa a dimora
Creazione di buche di 40 cm di profondità e diametro e posizionamento delle piantine con un supporto in legno o in canna di bambù e una retina di protezione.
6. Completamento lavori
6. Completamento lavori
Completamento della messa a dimora di tutte le piantine e verifica della conformità dell’intervento rispetto al progetto di forestazione.

Tutti i progetti prevedono un’attività di manutenzione che ha l’obiettivo di assicurare un corretto attecchimento delle essenze e la permanenza del bosco negli anni futuri: interventi di sfalcio e ripulitura dalle erbe infestanti, irrigazione di soccorso e risarcimento delle fallanze. Grazie all’utilizzo di specie autoctone e di piantine giovani e al programma di monitoraggio e manutenzione, è possibile assicurare una percentuale di attecchimento pari all’80%.

Gestione sostenibile delle foreste

Grazie a Mosaico Verde le aziende possono investire in un progetto di tutela e recupero di boschi in stato di abbandono o danneggiati da calamità naturali, scegliendo di sostenere una o più attività di gestione, a seconda delle necessità dell’area.
Benefici

La gestione sostenibile di un bosco consente di ottenere innumerevoli benefici, anche se non vi è sempre una nuova piantumazione.

 

  • Miglioramento dei livelli di sicurezza e stabilità del bosco e del terreno
  • Gestione sostenibile del patrimonio boscato
  • Conservazione della biodiversità
  • Miglioramento della qualità dell’aria e dell’acqua
  • Miglioramento paesaggistico
  • Maggiore accessibilità e fruibilità dell’area

Gestione sostenibile delle foreste

Grazie a Mosaico Verde le aziende possono investire in un progetto di tutela e recupero di boschi in stato di abbandono o danneggiati da calamità naturali, scegliendo di sostenere una o più attività di gestione, a seconda delle necessità dell’area.
Benefici

La gestione sostenibile di un bosco consente di ottenere innumerevoli benefici, anche se non vi è sempre una nuova piantumazione.

 

  • Miglioramento dei livelli di sicurezza e stabilità del bosco e del terreno
  • Gestione sostenibile del patrimonio boscato
  • Conservazione della biodiversità
  • Miglioramento della qualità dell’aria e dell’acqua
  • Miglioramento paesaggistico
  • Maggiore accessibilità e fruibilità dell’area
Attività per la gestione sostenibile delle foreste
1.Pulizia del bosco
1.Pulizia del bosco
L’area viene completamente ripulita dalle piante morte e dal sottobosco.
2. Recupero sentieristica
2. Recupero sentieristica
Valorizzazione dei percorsi naturali con recupero di suolo e riduzione del rischio di erosione.
3.Certificazione FSC
3.Certificazione FSC
Valorizzazione di tutti i prodotti ecosistemici attraverso la gestione forestale sostenibile delle foreste.
4.Cattura delle polveri
4.Cattura delle polveri
Le piante contribuiscono alla rimozione delle polveri sottili grazie al processo di fotosintesi e modificando i flussi di aria.
5.Nuovi impianti
5.Nuovi impianti
Vengono realizzate nuove piantagioni per ampliare e rinfoltire superfici  boscate già esistenti.
6. Misure antincendio
6. Misure antincendio
Definizione e programmazione delle attività di prevenzione degli incendi boschivi, quali ad esempio spalcamenti e linee tagliafuoco.
Non solo nuovi alberi: perché è così importante gestire il patrimonio boschivo italiano

Logo_MIPAAF

Il 4 dicembre 2017 il Consiglio dei Ministri ha approvato la nuova legge forestale nazionale, un vero testo unico in materia di foreste e filiere forestali, che considera i 12 milioni di ettari di foreste italiane un inestimabile patrimonio di biodiversità e paesaggio, ma anche fonte di benessere, salute e ricchezza per l’intera filiera bosco-legno-prodotti forestali, legnosi e non, attraverso una gestione attiva sostenibile e responsabile.

Cosa prevede in sintesi la nuova legge forestale

  • Delinea criteri innovativi di programmazione e pianificazione forestale
  • Fissa i criteri minimi uniformi per le attività di gestione forestale
  • Disciplina in modo nuovo la trasformazione di aree boscate in altra destinazione d’uso
  • Individua i principi cardine per la promozione e l’esercizio delle attività selvicolturali di gestione
  • Detta principi innovativi per facilitare e incentivare la gestione di superfici forestali accorpate
  • Rilancia l’attività della filiera vivaistica forestale nazionale
  • Pone il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo al centro di un coordinamento di Enti per la raccolta e la divulgazione di dati quantitativi e qualitativi sulle foreste

Mosaico Verde si inserisce perfettamente in questo piano d’azione definito dalla nuova legge forestale e, attraverso AzzeroCO2, ha istituito un tavolo di lavoro permanente con la direzione generale delle foreste del MIPAAFT. L’obiettivo è quello di realizzare interventi di forestazione coerenti con linee guida della strategia forestale nazionale, rispettando i seguenti requisiti:

  • Ricostituzione di habitat
  • Ampliamento e collegamento di aree verdi frammentate
  • Riqualificazione di zone abbandonate o in stato di degrado
  • Gestione sostenibile delle foreste
  • Restituzione alla collettività di spazi ricreativi
  • Creazione di valore condiviso e strumento per raccontare le strategie aziendali di Responsabilità Sociale di Impresa