fbpx

Adesioni

Con oltre 605mila soci, circa 3.600 dipendenti e 95 punti vendita, tra Toscana, Lazio e Umbria, Unicoop Tirreno è una delle grandi cooperative di consumatori in Italia.

 

La sua storia nasce a Piombino (LI) con la Cooperativa Popolare di Consumo La Proletaria, e oggi come ieri la sua mission si basa sull’etica della responsabilità sociale e dello spirito cooperativo. I progetti solidali, le iniziative territoriali, la tutela dell’ambiente e il risparmio dei consumatori sono le sfide quotidiane della Cooperativa che opera a vantaggio dei consumatori e della comunità. L’ambiente è uno dei temi su cui Unicoop Tirreno è maggiormente impegnata, e non da ora; e i giovani, a cui la Cooperativa è destinata, perché il suo patrimonio etico, economico, di competenze deve restare a disposizione della comunità anche domani. Ecco che, in occasione di un appuntamento importante della sua storia, il 75° anniversario, Unicoop Tirreno lancia una nuova campagna destinata agli under 30 in cui per ogni nuovo socio la Cooperativa si impegna a piantare un nuovo albero, un atto di cura per il nostro pianeta.

 

unicooptirreno.it

STRATEGIA DI SOSTENIBILITÀ

 

Nel campo della tutela ambientale Unicoop Tirreno promuove iniziative ecologiche e comportamenti ecosostenibili sia a livello macro, con il sistema cooperativo e i prodotti Coop, sia a livello locale con le iniziative orientate a gestire problematiche ambientali e stimolare corretti comportamenti a tutela dell’ambiente. La gestione dei rifiuti, il risparmio di risorse, la sicurezza alimentare e il controllo dei criteri di sostenibilità dei fornitori fino ad arrivare ai 3.000 alberi che Unicoop Tirreno pianta in occasione del suo 75° anniversario in 4 aree urbane, 2 in Toscana e 2 nel Lazio, legando questa iniziativa alla nuova campagna destinata ai nuovi giovani soci: per mettere salde radici al proprio futuro.

Progetti realizzati

MUNICIPIO VIII DI ROMA

L’intervento ha interessato tre distinte aree del municipio ricadenti all’interno del Quartiere Ardeatino: la prima area è situata lungo Viale del Tintoretto in prossimità dell’Istituto IC – Giuseppe Montezemolo ed era quasi del tutto priva di copertura vegetale ad eccezione di alcuni esemplari arborei di olmo minore; la seconda si trova nel Parco delle Rane o Parco delle Tre Fontane e per quest’area l’intervento ha creato piccoli nuclei boscati di forma allungata lungo i percorsi pedonali che attraversano longitudinalmente il Parco e laddove la copertura arborea è più rada; l’ultima è ubicata tra la sede del Municipio VIII e l’Istituto Comprensivo Poggiali – Spizzichino e si trova in prossimità di un’area destinata agli orti urbani.

Tipologia di area

Urbana

 

Alberi piantumati

750

 

Ettari impiegati

1

 

Specie utilizzate

Leccio, frassino, acero campestre, viburno, corbezzolo, fillirea